venerdì 28 novembre 2014

Andromeda e Pleiadi

Riprese con Sigma Apo 105mm e canon 1100d
Fotogrammi da 90 sec non guidati su Neq6


Pulizia Ottiche GSO RC8"

Ho deciso di pulire il primario vedendo spesso depositi di polverem e in 5 min ho svitato le sei viti che reggono culatta e barre losmandy/vixen..
con certo sforzo è venuto via tutto il blocco con il primario, quindi si passa a svitare delicatamente il paraluce del primario e si arriva ad una ghiera che regge direttamente lo specchio, che, i raccomando non fate come me che non avevo capito, è bloccata da due micro grani sullo specchio..svitate i grani e poi la ghiera..
Rimuovendo lo specchio dalla culatta piano piano con le dita dai bordi, ed avendo cura, per sicurezza, di fare un segno per mantenerne l'esatta posizione, si ha poi il blocco massiccio di vetro da immergere in acqua tiepida e sapone per piatti per qualche minuto..
con i polpastrelli delle mani ben lavate o con un rulletto di cotone si esercita una lieve pressione per detergere la superficie, dopodichè si sciaqua il tutto con acqua demineralizzata e le eventuali microgocce si assorbono con una punta di carta assorbente..

et voilà il prima dopo!

Bibliografia e ringraziamenti:
- Jack Black - Smontaggio
http://nightsky.forumcommunity.net/?t=49691723
- Plinio Camaiti - TelescopeDoctor - pulizia ottiche
Link al PDF

giovedì 17 aprile 2014

NASA EPOD: Val Troncea

Questa piccola ma incontaminata vallata (Val Troncea, Pragelato, TO), sede di uno dei parchi naturali più affascinanti, è stata anch'essa messa nella vetrinetta del reparto scienze della terra della NASA..
http://epod.usra.edu/blog/2014/04/val-troncea-italian-alps.html


sabato 14 dicembre 2013

La Grande Nebulosa di Orione, Alcyone (Pleiadi) e la Testa di Cavallo B33 (IC434)

M42 La Grande Nebulosa di Orione,
un classico che non invecchia mai..
foto pessima di questa super fucina stellare!
http://it.wikipedia.org/wiki/Nebulosa_di_Orione
Full res: http://www.astrobin.com/full/67270/0/
 

 M45 - Le Pleiadi - Alcyone
Notare la lieve nebulosità attorno alla stella principale
purtroppo non ben visibile in foto
http://it.wikipedia.org/wiki/Alcyone_%28astronomia%29
Full Res: http://www.astrobin.com/full/67269/0/

 IC 434 - B33 La Nebulosa Testa Di Cavallo
Solo testimonianza..non si può di certo chiamarla foto!
http://it.wikipedia.org/wiki/IC_434
Purtroppo con il filtro taglia IR e R davanti alla Canon non si può pretendere con 20min di esposizione di vedere di più credo..

Costellazioni di Auriga e Orione

Costellazione dell'AURIGA:
La stella più splendente è Capella, sono presenti diversi ammassi aperti come M36 ed M38, il chiarore della luna piena non permette di fare gran che..
somma di 51 scatti calibrati da 5sec, senza inseguimento (treppiede fisso),
Canon1100D + Sigma 105 f/2.8, 1600ISO

http://it.wikipedia.org/wiki/Auriga_%28costellazione%29
Full Res: http://www.astrobin.com/full/68147/0/
(notare come già in 5sec a 100mm si notano tracce del movimento siderale..)

Coastellazione di ORIONE:
sulla sinistra le tre stelle della cintura, in cui nella terza in basso si denota la nebulosa a fiamma (debole sulla sinistra), e alla destra ci sarebbe ma non si vede la nebulosa ic434 con la famosa testa di cavallo B33.
circa al centro della foto sono visibili la grande nebulosa di Orione con a fianco sulla sinistra, debolissima, la Running man nebula.
Poi in alto a destra la luminosissima Rigel (stella).

http://it.wikipedia.org/wiki/Orione_%28costellazione%29
Full res: http://www.astrobin.com/full/68152/0/ (se si clicca sulla foto ne esce una versione piccola e se ci si va sopra con il mouse appaiono le descrizioni dei corpi celesti)

domenica 20 ottobre 2013

EPOD NASA - Gignoux Lake

E anche lo splendido lago dei 7 colori, altrimenti chiamato lago Gignoux (essendo in realtà in Francia), è finito nella vetrina degli Epod Nasa. Le foto purtroppo non sono un gran che, e non rendono minimamente l'idea di quanto il posto sia, in realtà, magnifico.

http://epod.usra.edu/blog/2013/10/gignoux-lake-in-the-western-alps.html


domenica 14 aprile 2013

M101 - La Galassia Girandola

La Galassia Girandola (nota anche come M 101, o NGC 5457) è una galassia a spirale nella costellazione dell'Orsa Maggiore. La galassia fu scoperta nel 1781 da Charles Messier e da Pierre Méchain. William Herschel fu il primo a osservare delle piccole macchie (che in realtà erano dei frammenti dei bracci a spirale) circondare la galassia.
http://it.wikipedia.org/wiki/Galassia_Girandola

 Full resolution:
http://www.astrobin.com/38859/

Strumentazione:
Gso RC8"
Neq6 pro SW
Canon 1100d
Lodestar
Tecnosky OAG

120min exp.

sabato 13 aprile 2013

EPOD NASA - Pian della Mussa

Ed ecco che il 12 aprile 2013, questo posto meraviglioso si è meritato di rimanere in una bellissima vetrina come quella degli EPOD Nasa.
Grazie a tutti per l'apprezzamento!.

http://epod.usra.edu/blog/2013/04/panoramic-view-of-pian-della-mussa-in-italy.html

On 04/12/2013 this wonderful place has earned to remain in the beautiful window of the Nasa EPOD.
Thanks to all for appreciating, also to always kind Jim Foster.

lunedì 8 aprile 2013

Costruzione FlatBox economica ma robusta..

dato che era un pò che dovevo procurarmi una flatbox (per realizzare i flat per calibrare le fotografie del cielo profondo: http://astronomiadigitale.blogspot.it/2008/01/il-flat-field.html), ma che in giro costano molto per misure di almeno 200mm di diametro, ho deciso di riprendere uno dei tanti progetti online, di Comolli in questo caso, realizzandolo un pò più piccolo e robusto..
www.astrosurf.com/comolli/
(ringrazio per il progetto Lorenzo Comolli)

Quindi la mia realizzazione è stata personalizzata per uno strumento da 8"

Allora cominciamo dal materiale, stile art attack :B): :

- Legno multistrato, leggero e resistente, di spessore 8mm (o 1cm) in due pannelli da 27x27, poi in due coppie di lastre da 27x17 e 25x17 per i lati, 10€
- due cerniere piccole e una chiusura in metallo, vitine, 5€
- plexiglass opale bianco di spessore 2,5mm, due lastre da 25 x 25, 7€
- 9 led a fascio diffuso a 130°, 3 resistenze da 150 ohm e fili 5€


Quindi il procedimento:
- prima ho montato il circuitino su di un pannello sottile di recupero (lo so che sono una frana a saldare e a fare circuiti ma nessuno mi ha mai insegnato)

-poi ho montato la scatola:

- montato il pannello nella scatola:

-ed ecco la scatola finita con le lastre di plexiglass fissate ai bordi con rimasugli di taglio..ho fatto mota attenzione ad aspirare bene tutto ad ogni passaggio per evitare la presenza di segatura e detriti all'interno..ho posizionato i due pannelli di plexiglass ad una distanza di 7cm dal pannello led e tra uno e l'altro..
come potete vedere alla vista è molto artigianale, come la maniglia superiore ricavata da un nastro da tapparella :D pratica e leggera..

- ed eccola accesa <_<


come potete ben vedere purtroppo, si vedono i puntini delle sorgenti di luce, forse per il tipo di led non proprio esatto, forse per lo spessore ridotto della flat box in sè..
il fatto è che non so se possa essere un problema, perchè il resto della luce è molto uniforme; ho fatto delle prove con il setup solito montato e la messa a fuoco vicina a quella solita e con la canon in AV ho fatto dei flat, e non essendo a fuoco non si nota la presenza dei puntini, e ho provato anche ad applicare un pò a muzzo questi flat a vecchie foto e funzionano quasi al 100% (perchè ovviamente è stato spostato sia il fuoco che la camera da allora)..

non so se prendere dei pezzettini di nastro isolante bianco e metterli sulla parte frontale del led per evitare questo fenomeno..

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ecco la Flat box sistemata, con uno strato in più all'interno di plexyglass opale, per un totale di tre strati; come potete vedere, adesso l'uniformità della luce è pressochè ottima:

domenica 10 marzo 2013

Cascate di ghiaccio nelle gole del vallone di Bourcet

Grazie al disgelo arrivano nelle gole abbondanti quantità d'acqua, che grazie alle basse temperature presenti nelle gole, formano queste splendide cascate di ghiaccio..


sabato 9 marzo 2013

EPOD NASA for Misurina Lake



Con mia grande soddisfazione per la prima volta il 05/03/13 viene pubblicata una mia foto, non tanto per la sua reale bellezza intrinseca credo, quanto forse per il relativo interesse scientifico, dovuto alle particolari condizioni atmosferiche e ambientali.
Il sito è quello del reparto Scienze della Terra (Earth Science Picture of the Day) della NASA:
http://epod.usra.edu/blog/2013/03/frozen-misurina-lake-italy.html

sabato 16 febbraio 2013

giovedì 14 febbraio 2013

M1 - Crab Nebula

Una fotografia di prova con la nuova attrezzatura di guida..
ho salvato il salvabile..

La Nebulosa Granchio (nota anche come Nebulosa del Granchio o con le sigle di catalogo M 1 e NGC 1952) è un resto di supernova visibile nella costellazione del Toro. Scoperta nel 1731 da John Bevis, la nebulosa è il primo oggetto del catalogo di oggetti astronomici pubblicato da Charles Messier nel 1774.

http://it.wikipedia.org/wiki/Nebulosa_del_Granchio

martedì 12 febbraio 2013

Panorami dal Lago di Misurina - Veneto



Queste foto sono state scattate da me al Lago di Misurina, in Veneto, con una Canon 1100D.

L'aria molto umida e nebbiosa ha fornito degli effetti di luce che rendono le foto a mio giudizio molto particolari.
Personalmente l'emozione che mi evocano è la stessa che provo quando sono io stello lì assorto nella natura e nel silenzio, una pace che non è facile trovare altrove..

lunedì 4 febbraio 2013

Pleiades from new Mexico

http://www.astrobin.com/31706/C/

Le Pleiadi (conosciute anche come le Sette sorelle, la Chioccetta o con la sigla M45 del catalogo di Charles Messier) sono un ammasso aperto visibile nella costellazione del Toro.[5] Questo ammasso, piuttosto vicino (440 anni luce),[2] conta diverse stelle visibili ad occhio nudo; anche se dagli ambienti cittadini solo cinque o sei delle stelle più brillanti sono visibili, da un luogo più buio se ne possono contare fino a dodici. Tutte le sue componenti sono circondate da leggere nebulose a riflessione, osservabili specialmente in fotografie a lunga esposizione prese con telescopi di dimensione ragguardevole.

http://it.wikipedia.org/wiki/Pleiadi_%28astronomia%29

Questa foto è stata realizzata per mezzo dei telescopi remotizzati via internet su iTelescope.net dal New Mexico con
Sbig st 2000xcm
Takahashi Toa 150

sabato 17 novembre 2012

M 81 Bode Galaxy




Dopo una serata travagliata, e con solo 2h20min di posa totale, ecco un primo veloce tentativo elaborativo della galassia..


La Galassia di Bode, (nota anche come M 81 o NGC 3031) è una galassia spirale situata a 12 milioni di anni luce dalla Terra, nella costellazione boreale dell'Orsa maggiore.

Wikipedia

mercoledì 10 ottobre 2012

M31 - Andromeda Galaxy - Apple Style

Copyright@MarcoZante2012
 
 

Telescopi o obiettivi di acquisizione: Orion AC 80/400
Camere di acquisizione: Canon EOS 1100D / Rebel T3
Montature: Sky-Watcher NEQ6
Telescopi o obiettivi di guida: GSO RC8
Camere di guida: MAGZERO MZ-5m
Risoluzione: 4290x2856
Date: 15 settembre 2012
Pose: 32x300"
Integrazione: 2.7 ore
Full Resolution

M33 - Triangulum Galaxy, Revisited

Copyright@MarcoZante2012


Telescopi o obiettivi di acquisizione: GSO RC8
Camere di acquisizione: Canon EOS 1100D / Rebel T3
Montature: Sky-Watcher NEQ6
Telescopi o obiettivi di guida: Orion AC 80/400
Camere di guida: MAGZERO MZ-5m
Risoluzione: 4290x2856
Date: 14 settembre 2012
Pose: 15x600"
Integrazione: 2.5 ore
Giorno lunare medio: 27.31 giorni
Fase lunare media: 5.48%

Full Resolution

giovedì 20 settembre 2012

NGC 891 e M45 (Pleiadi)

NGC 891 è una brillante galassia nella costellazione di Andromeda.
Si individua con facilità 3,5 gradi ad est della stella γ Andromedae; appare vista perfettamente di taglio, così ad un telescopio rifrattore si presenta come un lungo fuso chiaro, privo di dettagli. Ad ingrandimenti maggiori si nota bene la presenza di un bulbo centrale molto luminoso, mentre in grandi telescopi si evidenzia la banda oscura di polveri e gas interstellari che la rendono molto simile alla nostra Via Lattea. Fa parte di un gruppo di galassie distanti dalla nostra circa 40 milioni di anni luce. Nel 1986 vi fu scoperta, via radio, una supernova, 1986J[1].
Wiki
Full Resolution
Copyright@MarcoZante2012

 Le Pleiadi (conosciute anche come le Sette sorelle, la Chioccetta o con la sigla M45 del catalogo di Charles Messier) sono un ammasso aperto visibile nella costellazione del Toro.[5] Questo ammasso, piuttosto vicino (440 anni luce),[2] conta diverse stelle visibili ad occhio nudo; anche se dagli ambienti cittadini solo cinque o sei delle stelle più brillanti sono visibili, da un luogo più buio se ne possono contare fino a dodici. Tutte le sue componenti sono circondate da leggere nebulose a riflessione, osservabili specialmente in fotografie a lunga esposizione prese con telescopi di dimensione ragguardevole.
WIki
Full Resolution
Copyright@MarcoZante2012

domenica 16 settembre 2012

M31 Andromeda Galaxy

La Galassia di Andromeda (nota talvolta anche con il vecchio nome Grande Nebulosa di Andromeda o con le sigle di catalogo M 31 e NGC 224), è una galassia spirale gigante facente parte del Gruppo Locale, assieme alla Via Lattea; si trova a circa 2,5 milioni di anni luce dalla Terra,[3] in direzione della costellazione boreale di Andromeda, da cui prende il nome. Si tratta della galassia spirale di grandi dimensioni più vicina alla nostra Galassia; è visibile anche ad occhio nudo e si tratta dell'oggetto più lontano visibile da occhi umani senza l'ausilio di strumenti di osservazione.

http://it.wikipedia.org/wiki/Galassia_di_Andromeda
Full Resolution su astrobin
Copyright@MarcoZante2012

venerdì 14 settembre 2012

M33 - Triangulum Galaxy

La Galassia del Triangolo, conosciuta anche con il nome di M33 (oggetto numero 33 del catalogo di Charles Messier) e di NGC 598, è una galassia a spirale di tipo SA(s)cd distante circa 3 milioni di anni luce dalla Terra[1] e situata nella costellazione del Triangolo. Nel mondo anglosassone M33 è anche informalmente chiamata Pinwheel Galaxy (in italiano letteralmente Galassia Girandola) in alcune pubblicazioni amatoriali di astronomia[2], ma anche in alcuni comunicati ufficiali di siti professionali[3]. Tuttavia sia il database astronomico SIMBAD, che contiene i nomi e le designazioni formali di vari oggetti astronomici, che diversi altri siti per l'astronomia amatoriale indicano con il nome di "Pinwheel Galaxy" la galassia M101[4][5]

http://it.wikipedia.org/wiki/Galassia_del_Triangolo
http://www.astrobin.com/20015/


domenica 17 giugno 2012

M27 - Dumbell Nebula

La Nebulosa Manubrio (nota talvolta anche come Nebulosa Dumbbell (letteralmente Nebulosa Campana Muta) o con le sigle di catalogo M 27 e NGC 6853) è una celebre e brillante nebulosa planetaria visibile nella costellazione della Volpetta.

Wikipedia
Copyright@MarcoZante2012

Dati immagine

sabato 12 maggio 2012

M51 - La Galassia Vortice



Copyright@MarcoZante2012

M 51 è un oggetto astronomico del catalogo di Messier che comprende due galassie distinte, nella costellazione boreale dei Cani da Caccia:
  • La più grande e famosa Galassia Vortice (anche nota come NGC 5194 e talvolta M51A) è una classica galassia a spirale. Fu scoperta da Charles Messier il 13 ottobre del 1773.
  • La più piccola galassia compagna nota come NGC 5195 (o anche M51B), è parzialmente coperta da un braccio di polvere della spirale Vortice (con la quale interagisce) ed è stata scoperta da Pierre Méchain nel 1781.
Wiki Link

Tempo di Posa: 1h 30min
Strumentazione: GSO RC8 su SW NEQ6 PRO
Canon 1100d
Guida con Orion 80/400 e Mz5m
Somma e Calibrazione con DSS
Postelaborazione con PS e PI

Copyright Marco Zante @ 2012. All rights reserved.

mercoledì 4 aprile 2012

Utile Guida all'uso di PixInsight

Appongo qui una guida fatta brevemente sull'uso di Pixinsight per elaborare immagini astronomiche. La guida è tratta dai video tutorial di Fabrizio Francione, e ha il solo scopo di facilitare la lettura veloce dei valori da impostare per un uso standard del programma..

GUIDA

VIDEO TUTORIAL PIXINSIGHT di FF

venerdì 30 marzo 2012

M 36


Copyright@MarcoZante2012
M 36 (conosciuto anche come Messier 36 o NGC 1960) è un ammasso aperto visibile nella costellazione dell'Auriga. La sua scoperta è stata, fino al 1984, attribuita a Le Gentil (1749); oggi invece si attribuisce la scoperta di M36 a Giovan Battista Odierna, avvenuta prima del 1654.
Di facile osservazione, anche con un semplice binocolo, appare alto nel cielo nelle notti invernali dell'emisfero boreale.

Link to Wikipedia

RC8+Neq6 Pro Synscan+ Canon 1100d
lights: 15x50sec
dark: 10
flat: 10
bias: 10
DSS+PS5